Guarda sulla mappa i luoghi degli SCATTOnetti:

  • Peretola
  • Brozzi
  • Quaracchi
  • Mantignano
  • Scandicci
  • Campi Bisenzio
  • Calenzano
  • Firenze Centro
  • Sesto Fiorentino

Peretola, Brozzi, Quaracchi, Mantignano, Scandicci, Campi Bisenzio, Calenzano, Firenze Centro e Sesto Fiorentino: questi sono i luoghi da cui in soli due soli giorni sono arrivate oltre 40 segnalazioni di malagestione dei rfiuti.

Alcune segnalazioni riguardano luoghi già apparsi su SCATTOnetto dal giorno del lancio del progetto, altre sono invece di posti nuovi… ma quasi tute hanno lo stesso filo rosso che le collega: abbandono di rifiuti ingombranti, tanti scarti da piccole aziende e industrie e infine un po’ di inciviltà o semplice ignoranza da scarsa informazione.

In queste foto possiamo vedere frigoriferi, armadi, divani ma anche tanti sacconi con scarti di produzione tessile, tanti cassonetti che “esplodono” impedendo il normale conferimento e infine scarti da lavori edili. Aumentano anche le segnalazioni di cittadini che dichiarano come operatori di Alia, e di altre cooperative addette ai rifiuti, spesso gettano i sacchi presenti in strada dentro i cassonetti liberi più vicini, non rispettandone il corretto conferimento.

SCATTOnetto è nato da pochissimo ed è ancora sconosciuto a buona parte della cittadinanza, eppure dai dati raccolti in pochi giorni è palese che nella città metropolitana di Firenze e nei territori limitrofi esiste un problema rifiuti e di gestione di questi.

I sindaci dei comuni serviti da ALIA e gli assessori preposti non possono far finta di nulla e devono pretendere dalla società di gestione (oggi diventata unica) un servizio di qualità. Questo si attua attraverso una corretta e completa informazione ai cittadini, l’introduzione dei migliori sistemi di raccolta dei rifiuti (che per noi si traduce nel passaggio dal sistema a cassonetto a quello del Porta a Porta con tariffazione puntuale) e da una fondamentale azione di controllo sui comportamenti sbagliati o illeciti.

Le nostre foto su scattonetto sono la conferma concreta degli studi statistici: il sistema cassonetti è altamente inefficiente. Solo con un moderno porta a porta si arriva a una gestione virtuosa dei rifiuti, con significativi incrementi nella percentuale di raccolta differenziata, inchiodata in tutta la nostra area al 50%.

A tutti i cittadini chiediamo di condividere il progetto e inviarci più segnalazioni possibili: solo grazie a queste potremmo dimostrare pubblicamente l’esistenza del problema e fare una forte pressione verso i nostri amministratori pubblici.

Avanti tutta con gli SCATTOnetti!